dal dentro in fuori

gennaio 30, 2014 § Lascia un commento

Dal dentro in fuori, la cantilena dei respiri.
Bagliori azzurrini. Piccoli puledri
per il materialismo delle mani
sottoposte agli sfoghi della crosta terrestre.
Come certi metalli, all’aria ossidano
per la maggior parte.
Parola che tremi, e tuttavia che voli
i respiri sono i tuoi mietitori. Morti o vivi
in alto i semi.

*

Tu sei quello che scrivi
rovi e diramazioni
di una fiala spezzata sulla lingua

una segreta formula
della vanità di ogni presa
che mescola urina, acqua di rosa…

*

Parola d’esterno, la lingua un bargiglio
ascoltarsi canto del gallo, non ancora chiarore.

Ecco cosa succede.
A fior di penne o piume
dare alle cose un nome.

Ma solo per la delizia da pagina bianca
la parola canta. E ti tocca, e tu tocchi lei.

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per gennaio, 2014 su .