ancora nessun titolo

agosto 16, 2013 § 1 Commento


……….
……….
perché scrivere è il buono
pentolino pieno di latte
la lingua seguita da mosche
dove il bianco si contorce
egualmente turbato
dal bollore e dal sonno
la mano trita sul foglio
dove i lati del coltello non arrivano
a smantellare le statue erette dal fluido
e il velo come potrebbe essere.
……….
……….
*
e se fosse tornare al taglio dell’origine
per dire a ricolorare la trama fitta della neve
cosa c’è di crudele?
Poco altro è nuovo colore
la mano preme, il cielo sopra
ogni palmo è una possibile facciata
che ha le linee vitalizie
come mosche avvezze al macello delle bestie
e la nuvolosità dei polpastrelli per inclinare.
……….
……….
*
Oppure procedere
per storie prese come malattie veneree
il viavai delle pagine asciugate dal sole
ecco la forbice del narratore
scambia i fattori “io sono la madre”
e dal cortile di più secolare
sfollando ogni giorno la luce fra l’albero
stenta ad apparire, su foglia che secca la esclude.

Entra bambina senza guarigione
entra negli occhi, incendia i covoni
e l’alfabeto di fossili uscirà dal mucchio
di un amorevole testa dove sta scritto
un lascito solo.
……….
……….

Annunci

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per agosto, 2013 su .